CERCA NEL SITO


ALMANACCO LITURGICO

III domenica dopo il martirio di S. Giovanni

23 settembre - Sabato

S. Pio da Pietrelcina, sacerdote - Memoria

Messa dal Comune dei pastori (per un presbitero), oppure dal Comune dei santi e delle sante (per un religioso).

Prima orazione propria.

1) Dt 12,29 - 13,1
Sal 96 (97): «Il Signore regna: esulti la terra»
2) Rm 1,18-25
3) Mt 12,15b-28

Ufficio della memoria.

Vespri I della domenica.

Alla Messa vigiliare

Vangelo della Risurrezione: Gv 20,11-18 o Forma II.


A Milano, nella chiesa Metropolitana: solennità di s. Tecla, vergine e martire.

MILANO - Anniversario dell’Ordinazione Episcopale dell’arcivescovo mons. Mario Enrico Delpini (2007). Se ne faccia il ricordo nella preghiera universale. In tutte le chiese si potrà opportunamente celebrare la Messa per il Vescovo diocesano (cfr. MA 1990, p. 982s.).

NOVARA - Anniversario dell’Ordinazione Episcopale del vescovo mons. Franco Giulio Brambilla (2007). Se ne faccia il ricordo nella preghiera universale. In tutte le chiese si potrà opportunamente celebrare la Messa per il Vescovo diocesano (cfr. MA 1990, p. 982s.).

Colore paramenti liturgici: Rosso

Lezionario ambrosiano festivo: Anno A

Lezionario ambrosiano Feriale: Anno I

Liturgia delle Ore: Volume V

IV settimana del Salterio

XXIV settimana del Tempo per Annum


Grandi cose ha fatto il Signore per noi.

Guàrdati bene dal lasciarti ingannare seguendo il loro esempio, dopo che saranno state distrutte davanti a te, e dal cercare i loro dèi, dicendo: “Come servivano i loro dèi queste nazioni? Voglio fare così anch’io”. Non ti comporterai in tal modo riguardo al Signore, tuo Dio.

(Dt 12,30-31a)

 

Il popolo di Israele è messo in guardia dall’adorare altri dèi rispetto al Signore. Infatti, l’alleanza con il Signore è radicale, richiede unicità. Dare gloria anche ad altri dèi significherebbe, in fondo, scegliere una via più semplice, dimenticare il fatto che con il Signore si è chiamati un rapporto personale, nel quale essere pienamente sé stessi, quindi assumendosi la responsabilità dell’essere liberi. Oggi è il giorno per verificare se si è capaci di tanta libertà, oppure a volte si preferisce ridurre l’immagine del Signore a quella di qualcuno che si invoca per risolvere alcune questioni, ma senza entrare in un rapporto profondo.

 

Preghiamo

Un fuoco cammina davanti a lui
e brucia tutt’intorno i suoi nemici.
Le sue folgori rischiarano il mondo:
vede e trema la terra.

dal Salmo 96 (97)

Il tempo dopo Pentecoste nel rito Ambrosiano

Il tempo successivo alla Pentecoste celebra la presenza dello Spirito che rende operante nella storia la salvezza realizzatasi nella persona di Cristo e la ripresenta nella Chiesa attraverso i divini misteri.
Inizia il lunedì che segue la solennità di Pentecoste e termina all’ora nona del sabato antecedente la I domenica di Avvento,

Fin dalla tarda antichità, il Tempo di Pentecoste trova nella Chiesa Milanese due momenti marcanti nella festa del Martirio di san Giovanni il Precursore e nella Domenica della Dedicazione. Con riferimento a tali celebrazioni, esso si articola quindi in tre sezioni:

  • le settimane dopo Pentecoste, dal lunedì che segue la solennità di Pentecoste all’ora nona del sabato che precede la I domenica dopo la festa del Martirio di S. Giovanni il Precursore (29 agosto). Qualora il 29 agosto cada di domenica, la festa del Martirio di S. Giovanni il Precursore è posticipata al 1° settembre.
  • le settimane dopo il Martirio di san Giovanni, dai primi vespri della I domenica dopo la festa del Martirio, all’ora nona del sabato che precede la terza domenica di ottobre, solennità della Dedicazione del Duomo di Milano, Chiesa madre di tutti i fedeli ambrosiani.
  • le settimane dopo la Dedicazione, dai primi vespri della domenica della Dedicazione, all’ora nona del sabato che precede la I domenica di Avvento.

leggi tutto