ITINERARI IN PREPARAZIONE

AL MATRIMONIO 2018

Decanato di Gallarate



La parola del Parroco

Prima di tutto serve il cuore!

La giornata della famiglia che abbiamo vissuto domenica 28 gennaio, ci ha fatto ripensare a quella formata da Gesù, Giuseppe e Maria. Una famiglia certamente in cui viveva l’amore reciproco tra i suoi membri, ma sicuramente non privilegiata dal punto di vista materiale.

 

leggi tutto

N° 2 - Feb / Mar 2018

GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO

CALENDARIO INCONTRI 2017 - 2018

 

MARZO :

13 FORMAZIONE - 21 GDA

 

APRILE:

10 FORMAZIONE - 18 GDA

 

MAGGIO:

7 FORMAZIONE - 16 GDA



I SETTIMANA DI QUARESIMA

Pietà di me, o Dio; purificami con la tua parola.

21 Febbraio, mercoledì
Mercoledì della I settimana di Quaresima

Messa propria della feria. [3]
Gen 4,1-16
Sal 118(119); Pietà di me, o Dio; purificami con la tua parola.
Pr 3,19-26
Mt 5,17-19

Ufficio della feria.

Colore paramenti liturgici: Morello

Lezionario ambrosiano festivo: anno B
Lezionario ambrosiano feriale:
Anno II
Liturgia delle Ore: Volume II

I settimana del Salterio



«Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento.» (Mt 5,17)

 

Compiere la Legge, nella tradizione ebraica, implica tre atteggiamenti: obbedire alla parola di Dio; fare di più di ciò che il precetto esige; interpretarlo bene. Ascoltare questa parola di Gesù alla luce del fratricidio di Caino ci aiuta a capire come Gesù compia la Torà di Mosè. Le obbedisce fino in fondo, senza trasgredirla, come invece fa Caino. Non si limita però a questo, la oltrepassa, fa di più: non toglie la vita al fratello, ma offre la sua vita per la salvezza di tutti, per la salvezza dei peccatori, anche di Caino. Infine, Gesù la interpreta bene perché rivela quale sia il cuore della Legge. È l’amore, è il comandamento nuovo che consegnerà nella sua Pasqua. Non si tratta solo di non uccidere o di non compiere atti di violenza, ma, sotto la guida dello Spirito, di giungere ad amare persino il nemico, desiderando che torni a esserci fratello.

 

Preghiamo

Spirito Santo,
Spirito di vita e di comunione,
vieni e abita in noi:
donaci di obbedire
alla parola di Dio
con cuore indiviso.

 

[«Perché non giudicate da voi stessi ciò che è giusto?»

 Lc 12,57 – LO SPIRITO, MAESTRO INTERIORE –
Quaresima e Pasqua 2018 -Centro Ambrosiano]

Il Tempo di Quaresima nel rito Ambrosiano
(Citazioni dal sito della Diocesi e dal Messale ambrosiano quotidiano.)

La Quaresima, per la Chiesa di Milano, si struttura in maniera abbastanza precisa già a partire dall'epoca di S. Ambrogio, nello scorcio finale del quarto secolo, quando la società era in via di progressiva cristianizzazione e molti pagani, convertitisi al cristianesimo, chiedevano il Battesimo diventando catecumeni.
Ebbene, la Quaresima, in tale contesto, nacque non tanto come tempo di generica preparazione alla Pasqua, bensì come tempo in cui i catecumeni si preparavano a ricevere il Battesimo nella veglia pasquale: ciò comportò che essa assumesse un forte carattere battesimale, ed è questa la caratteristica che la liturgia ambrosiana ha sempre conservato fino ai nostri giorni. Basterebbe passare in rassegna i Vangeli delle domeniche quaresimali, rileggendoli attraverso la chiave di lettura della liturgia battesimale (come spesso gli stessi prefazi ambrosiani ci suggeriscono).

 

leggi tutto



ANNO ORATORIANO 2017-2018

VEDRAI CHE BELLO

Il logo e lo slogan saranno gli emblemi che segneranno il cammino dell'anno oratoriano 2017-2018. Sono diversi i materiali che metteremo a disposizione da settembre con il marchio della proposta.

 

Mettersi in punta di piedi per guardare più lontano, appendersi con le braccia per salire ancora un poco più su e scoprire che c’è qualcosa al di là. C’è una bellezza che si vede solo se hai avuto il coraggio di andare oltre. Immaginiamo che dietro a questa bambina, che vediamo di spalle e potrebbe avere il volto di qualcuno che conosciamo, ci sia una persona più grande che, con lo sguardo di chi educa, le dica: «dai, su… coraggio… fidati… VEDRAI CHE BELLO!».

 

leggi tutto