Liturgia delle ore - Rito Ambrosiano

Venerdì della II settimana dopo Pentecoste
SACRATISSIMO CUORE DI GESU’
Solennità

UFFICIO DELLE LETTURE

O Dio, vieni a salvarmi.
Signore vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo,
come era nel principio e ora e sempre
 nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.


INNO
Quando l’Ufficio delle letture si dice nelle ore notturne o nelle prime ore del mattino:

La nostra lode accogli,
o Creatore eterno delle cose,
che, notte e giorno avvicendando, rendi
più vario e grato il tempo.

Alta regna la notte
e già s’ode il canto del gallo,
gioioso presagio di luce
all’ansia del viandante.

Si destra allora e ad oriente appare
la stella palpitante del mattino,
la torma squagliasi dei vagabondi,
abbandonando i vicoli del male.

Il gallo canta. La sua voce placa
il furioso fragore dell’onda;
e Pietro, roccia che fonda la Chiesa,
la colpa asterge con lacrime amare.

Orsù leviamoci animosi e pronti:
tutti risveglia il richiamo del gallo
e gli indolenti accusa che si attardano
sotto le coltri dormigliando ancora.

Il gallo canta, Torna la speranza:
l’inferno sente rifluir la vita,
il sicario nasconde il suo pugnale,
negli smarriti la fede rivive.

Gesù Signore, guardaci pietoso,
quando, tentati, incerti vacilliamo:
se tu ci guardi, le macchie si dileguano
e il peccato si stempera nel pianto.

Tu, vera luce, nei cuori siplendi,
disperdi il torpore dell’anima:
a te sciolga il labbro devoto
la santa primizia dei canti.

Gloria a Dio Padre
e all’unico suo Figlio
con lo Spirito Santo
nella distesa dei secoli. Amen.

Quando l’Ufficio delle letture si dice nelle ore del giorno:

Vita dei santi, Cristo, unica via,
o sola speranza del mondo,
o sorgente di pace e di giustizia,
voci e cuori a te inneggiano.

Se qualche luce di virtù tu vedi,
ogni parola vera,
ogni infiammata volontà di bene,
è, Signore, tua grazia.

Dona quiete ai tempi incerti, salda
custodisci la fede,
rinvigorisci i deboli,
perdona i peccatori.

Gloria si canti al Padre
e all’unico suo Figlio,
dolce si levi la lode allo Spirito
negli infiniti secoli. Amen.

RESPONSORIO
Adoriamo Cristo Gesù,
 che ci ha amati
 e ha dato sé stesso per noi.

Venite, applaudiamo al Signore,
acclamiamo alla roccia della nostra salvezza,
 che ci ha amati
 e ha dato sé stesso per noi.

Non si dice il Cantico dei tre giovani

SALMODIA
       Cantico Ger 31,2-9

Ant. 1 Di amore eterno ci ha amati il Signore: * elevato da terra, tutti al suo cuore pietoso ci attrasse.

Così dice il Signore: †
 «Ha trovato grazia nel deserto *
 un popolo di scampati alla spada;
Israele si avvia a una quieta dimora». *
 Da lontano gli è apparso il Signore:

«Ti ho amato di amore eterno, *
 per questo ti conservo ancora misericordia.
Ti edificherò di nuovo e tu sarai riedificata, *
 vergine di Israele.

Di nuovo ti ornerai dei tuoi tamburi *
 e uscirai fra la danza dei festanti.
Di nuovo pianterai vigne sulle colline di Samaria; *
 i piantatori, dopo aver piantato, raccoglieranno.

Verrà il giorno in cui grideranno le vedette *
 sulle montagne di Efraim:
Su, saliamo a Sion, *
 andiamo dal Signore nostro Dio».

Poiché dice il Signore: †
 «Innalzate canti di gioia per Giacobbe, *
 esultate per la prima delle nazioni,

fate udire la vostra lode e dite: †
 Il Signore ha salvato il suo popolo, *
 un resto di Israele».

Ecco, li riconduco dal paese del settentrione *
 e li raduno dall'estremità della terra;

fra di essi sono il cieco e lo zoppo, †
 la donna incinta e la partoriente; *
 ritorneranno qui in gran folla.

Essi erano partiti nel pianto, *
 io li riporterò tra le consolazioni;
li condurrò a fiumi d'acqua *
 per una strada dritta in cui non inciamperanno;

perché io sono un padre per Israele, *
 Efraim è il mio primogenito.

Gloria.

Ant. 1 Di amore eterno ci ha amati il Signore: * elevato da terra, tutti al suo cuore pietoso ci attrasse.

       Cantico Os 11,1-4.7-8a.c-9

Ant. 2 Nessuno ha un amore più grande di questo: * dare la vita per i propri amici.

Quando Israele era giovinetto, io l'ho amato *
 e dall'Egitto ho chiamato mio figlio.

Ma più li chiamavo, *
 più da me si allontanavano;
immolavano vittime ai Baal, *
 agli idoli bruciavano incensi.

Ad Efraim io insegnavo a camminare †
 tenendolo per mano, *
 ma essi non compresero che avevo cura di loro.

Io li traevo con legami di dolcezza, *
 con vincoli d'amore;

ero per loro
  come chi solleva un bimbo alla sua guancia; *
 mi chinavo su di lui per dargli da mangiare.

Il mio popolo è duro a convertirsi: †
 chiamato a guardare in alto *
 nessuno sa sollevare lo sguardo.

Come potrei abbandonarti, Efraim, *
 come consegnarti ad altri, Israele?

Il mio cuore dentro di me si commuove, *
 il mio intimo freme di compassione.

Non darò sfogo all'ardore della mia ira, *
 non tornerò a distruggere Efraim,

perché sono Dio e non uomo; †
 sono il Santo in mezzo a te *
 e non verrò nella mia ira.

Gloria.

Ant. 2 Nessuno ha un amore più grande di questo: * dare la vita per i propri amici.

       Cantico Is 12,1-6

Ant. 3 Gesù, levatosi in piedi, esclamò ad alta voce: * «Chi ha sete, venga a me e beva».

Ti ringrazio, Signore; †
tu eri con me adirato, *
ma la tua collera si è calmata
  e tu mi hai consolato. 

Ecco, Dio è la mia salvezza; *
 io confiderò, non avrò mai timore,
perché mia forza e mio canto è il Signore; *
egli è stato la mia salvezza. 

Attingerete acqua con gioia *
 alle sorgenti della salvezza. 

In quel giorno direte: *
 «Lodate il Signore, invocate il suo nome;
manifestate tra i popoli le sue meraviglie, *
proclamate che il suo nome è sublime. 

Cantate inni al Signore,
  perché ha fatto opere grandi, *
ciò sia noto in tutta la terra. 

Gridate giulivi ed esultate, abitanti di Sion, *
perché grande in mezzo a voi
 è il Santo di Israele». 

Gloria.

Ant. 3 Gesù, levatosi in piedi, esclamò ad alta voce: * «Chi ha sete, venga a me e beva».

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

Tu sei benedetto, Signore.
Amen.

PRIMA LETTURA    Rm 8,28-39
Dalla lettera ai Romani di san Paolo, apostolo.

Noi sappiamo che tutto concorre al bene di coloro che amano Dio, che sono stati chiamati secondo il suo disegno. Poiché quelli che egli da sempre ha conosciuto li ha anche predestinati ad essere conformi all'immagine del Figlio suo, perché egli sia il primogenito tra molti fratelli; quelli poi che ha predestinati li ha anche chiamati; quelli che ha chiamati li ha anche giustificati; quelli che ha giustificati li ha anche glorificati.
Che diremo dunque in proposito? Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme con lui? Chi accuserà gli eletti di Dio? Dio giustifica. Chi condannerà? Cristo Gesù, che è morto, anzi, che è risuscitato, sta alla destra di Dio e intercede per noi? Chi ci separerà dunque dall'amore di Cristo? Forse la tribolazione, l'angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? Proprio come sta scritto:
Per causa tua siamo messi a morte tutto il giorno,
siamo trattati come pecore da macello.
Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori per virtù di colui che ci ha amati. Io sono infatti persuaso che né morte né vita, né angeli né principati, né presente né avvenire, né potenze, né altezza né profondità, né alcun'altra creatura potrà mai separarci dall'amore di Dio, in Cristo Gesù, nostro Signore.

RESPONSORIO    
Cristo per noi offerse la vita;
 con il suo sangue ci liberò dai nostri peccati.

Nessuno ha un amore più grande di questo:
dare la vita per i propri amici.
 Con il suo sangue ci liberò dai nostri peccati.

SECONDA LETTURA 
Dagli «Opuscoli» di san Bonaventura, vescovo.

Considera anche tu, o uomo redento, chi, quanto grande e di qual natura sia colui che pende per te dalla croce. La sua morte dà la vita ai morti, al suo trapasso piangono cielo e terra, le dure pietre si spaccano.
Inoltre, perché dal fianco di Cristo morto in croce fosse formata la Chiesa e si adempisse la Scrittura che dice: «Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto» (Gv 19, 37), per divina disposizione è stato permesso che un soldato trafiggesse e aprisse quel sacro costato. Ne uscì sangue ed acqua, prezzo della nostra salvezza. Lo sgorgare da una simile sorgente, cioè dal segreto del cuore, da' ai sacramenti della Chiesa la capacità di conferire la vita eterna ed è, per coloro che già vivono in Cristo, bevanda di fonte viva «che zampilla per la vita eterna» (Gv 4, 14).
Sorgi, dunque, o anima amica di Cristo. Sii come colomba «che pone il suo nido nelle pareti di una gola profonda» (Ger 48, 28). Come «il passero che ha trovato la sua dimora» (Sal 83, 4), non cessare di vegliare in questo santuario. Ivi, come tortora, nascondi i tuoi piccoli, nati da un casto amore. Ivi accosta la bocca per attingere le acque dalle sorgenti del Salvatore (cfr. Is 12, 3). Da qui infatti scaturisce la sorgente che scende dal centro del paradiso, la quale, divisa in quattro fiumi (cfr. Gn 2, 10) e, infine, diffusa nei cuori che ardono di amore, feconda ed irriga tutta la terra.
Corri a questa fonte di vita e di luce con vivo desiderio, chiunque tu sia, o anima consacrata a Dio, e con l'intima forza del cuore grida a lui: «O ineffabile bellezza del Dio eccelso, o splendore purissimo di luce eterna! Tu sei vita che vivifica ogni vita, luce che illumina ogni luce e che conserva nell'eterno splendore i multiformi luminari che brillano davanti al trono della tua divinità fin dalla prima aurora.
O eterno e inaccessibile, splendido e dolce fluire di fonte nascosta agli occhi di tutti i mortali! La tua profondità é senza fine, la tua altezza senza termine, la tua ampiezza è infinita, la tua purezza imperturbabile!
Da te scaturisce il fiume «che rallegra la città di Dio» (Sal 45, 5), perché «in mezzo ai canti di una moltitudine in festa» (Sal 41, 5) possiamo cantare cantici di lode, dimostrando, con la testimonianza, dell'esperienza, che «in te é la sorgente della vita e alla tua luce vediamo la luce» (Sal 35, 10).

TE DEUM
Noi ti lodiamo, Dio, *
 ti proclamiamo Signore.
O eterno Padre, *
 tutta la terra di adora.

A te cantano gli angeli *
 e tutte le potenze dei cieli:
Santo, Santo, Santo *
 il Signore Dio dell’universo.

I cieli e la terra *
 sono pieni della tua gloria.
Ti acclama il coro degli apostoli *
 e la candida schiera dei martiri;

le voci dei profeti si uniscono nella tua lode; *
 la santa Chiesa proclama la tua gloria,
adora il tuo unico Figlio, *
 e lo Spirito Santo Paraclito.

O Cristo, re della gloria, *
 eterno Figlio del Padre,
tu nascesti dalla Vergine Madre *
 per la salvezza dell’uomo.

Vincitore della morte, *
 hai aperto ai credenti il regno dei cieli.
Tu siedi alla destra di Dio, nella gloria del Padre. *
 Verrai a giudicare il mondo alla fine dei tempi.

Soccorri i tuoi figli, Signore, *
 che hai redento col tuo sangue prezioso.
Accoglici nella tua gloria *
 nell’assemblea dei santi.

Salva il tuo popolo, Signore, *
 guida  e proteggi i tuoi figli.
Ogni giorno ti benediciamo, *
 Lodiamo il tuo nome per sempre.

Degnati oggi, Signore, *
 di custodirci senza peccato.
Sia sempre con noi la tua misericordia: *
 in te abbiamo sperato.

Pietà di noi, Signore, *
 pietà di noi.
Tu sei la nostra speranza, *
 non saremo confusi in eterno.

Se all’Ufficio delle Letture seguono immediatamente le Lodi si omettono l’orazione seguente e l’introduzione di Lodi e si recita immediatamente il Cantico di Zaccaria.

ORAZIONE
Donaci, Padre, di crescere ogni giorno nella conoscenza del grande amore con cui Cristo ha amato la Chiesa e di imitarlo secondo le nostre forse nell’ardente carità verso i fratelli. Per lui, nostro Signore e nostro Dio, che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo, per tutti i secoli dei secoli.

CONCLUSIONE
Benediciamo il Signore.
Rendiamo grazie a Dio.


LODI MATTUTINE

O Dio, vieni a salvarmi.
Signore vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo,
come era nel principio e ora e sempre
 nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.


CANTICO DI ZACCARIA
       Cantico Lc 1,68-79

Ant. Nella sua misericordia Dio ci ha visitato * e ha redento il suo popolo.

Benedetto il Signore Dio d'Israele, *
 perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *
 nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *
 per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *
 e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *
 e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *
 di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *
 al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *
 perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *
 nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *
 per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *
 e nell'ombra della morte

e dirigere i nostri passi *
 sulla via della pace».

Gloria.

Ant. Nella sua misericordia Dio ci ha visitato * e ha redento il suo popolo.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

PRIMA ORAZIONE
Preghiamo. (pausa di preghiera silenziosa)
O Padre di misericordia, concedi che i tuoi fedeli si rivestano delle virtù e dei sentimenti del cuore di Cristo perché, trasformati a sua immagine, diventino partecipi della redenzione eterna. Per lui, nostro Signore e nostro Dio, che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo, per tutti i secoli dei secoli


ANTIFONA «AD CRUCEM»
Ponimi come sigillo sul tuo cuore,

come sigillo sul tuo braccio, *
perché forte come la morte è l’amore.

Orazione
Signore Gesù, che alla Chiesa tua sposa hai dischiuso i tesori ineffabili del tuo amore, fa’ che i nostri cuori attingano copiosamente da tanto amabile sorgente di grazie. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.


SALMODIA
       Cantico Es 15,1-4a.8-13.17-18

Ant. 1
«Come il Padre mi ha amato, così anch’io ho amato voi; * rimanete nel mio amore».


Voglio cantare in onore del Signore: †
 perché ha mirabilmente trionfato, *
  ha gettato in mare cavallo e cavaliere.

Mia forza e mio canto è il Signore, *
 egli mi ha salvato.
È  il mio Dio e lo voglio lodare, *
  è il Dio di mio padre e lo voglio esaltare!

Dio è prode in guerra, *
 si chiama Signore.
I carri del faraone e il suo esercito *
 li ha gettati in mare.

Al soffio della tua ira si accumularono le acque, †
  si alzarono le onde come un argine, *
  si rappresero gli abissi in fondo al mare.

Il nemico aveva detto: *
 «Inseguirò, raggiungerò, spartirò il bottino,
  se ne sazierà la mia brama; *
  sfodererò la spada,
  li conquisterà la mia mano!».

Soffiasti con il tuo alito: li coprì il mare, *
  sprofondarono come piombo
  in acque profonde.

Chi è come te fra gli dei, *
  chi è come te, maestoso in santità, Signore?
Chi è come te tremendo nelle imprese, *
  operatore di prodigi?

Stendesti la destra: *
 li inghiottì la terra.
Guidasti con il tuo favore 
  questo popolo che hai riscattato, *
  lo conducesti con forza  alla tua santa dimora.

Lo fai entrare  *
 e lo pianti sul monte della tua promessa,
luogo che per tua sede, Signore, hai preparato, *
  santuario che le tue mani, Signore,
  hanno fondato.

Il Signore regna  *
  in eterno e per sempre.

Gloria.

Ant. 1 «Come il Padre mi ha amato, così anch’io ho amato voi; * rimanete nel mio amore».

Salmi Laudativi

Ant. 2 La mia bocca canti la lode del Signore, * e ogni vivente benedica il suo santo nome.

        Sal 149
Cantate al Signore un canto nuovo; *

la sua lode nell’assemblea dei fedeli.
Gioisca Israele nel suo Creatore, *
esultino nel loro Re i figli di Sion.

Lodino il suo nome con danze, *
con timpani e cetre gli cantino inni.
Il Signore ama il suo popolo, *
incorona gli umili di vittoria.

Esultino i fedeli nella gloria, *
sorgano lieti dai loro giacigli.
Le lodi di Dio sulla loro bocca *
e la spada a due tagli nelle loro mani,

per compiere la vendetta tra i popoli *
e punire le genti;
per stringere in catene i loro capi, *
i loro nobili in ceppi di ferro;

per eseguire su di essi *
il giudizio già scritto:
questa è la gloria *
per tutti i suoi fedeli.

        Sal 116
Lodate il Signore, popoli tutti, *

 voi tutte, nazioni, dategli gloria;

perché forte è il suo amore per noi *
 e la fedeltà del Signore dura in eterno.

Gloria.

Ant. 2 La mia bocca canti la lode del Signore, * e ogni vivente benedica il suo santo nome.

       Salmo diretto Sal 145
Loda il Signore, anima mia: †

loderò il Signore per tutta la mia vita, *
finché vivo canterò inni al mio Dio.

Non confidate nei potenti, *
in un uomo che non può salvare.
Esala lo spirito e ritorna alla terra; *
in quel giorno svaniscono tutti i suoi disegni.

Beato chi ha per aiuto il Dio di Giacobbe, *
chi spera nel Signore suo Dio,
creatore del cielo e della terra, *
del mare e di quanto contiene.

Egli è fedele per sempre, †
rende giustizia agli oppressi, *
dà il pane agli affamati.

Il Signore libera i prigionieri, *
il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto, *
il Signore ama i giusti,

il Signore protegge lo straniero, †
egli sostiene l’orfano e la vedova, *
ma sconvolge le vie degli empi.

Il Signore regna per sempre, *
il tuo Dio, o Sion, per ogni generazione.

Gloria.

SECONDA ORAZIONE
O Dio, fonte di ogni bene, che nel cuore del tuo Figlio ferito a causa delle nostre colpe, ci hai aperto i tesori del tuo amore infinito, donaci di contemplare questo mistero con pietà sincera e profonda e di partecipare generosamente all’opera della redenzione del mondo. Per Cristo nostro Signore.


INNO
O Figlio eterno dell’unico Dio,

Re della gloria, Principe
della beata pace,
a te si levi il canto.

Tenero Agnello che pendi dal legno,
come rosseggiano le tue ferite,
come è crudele l’odio
che ti strazia così!

Nelle tue carni laceri il decreto
dell’antica condanna,
le colpe umane espiando
e dischiudendo la porta del cielo.

Gesù, Signore pietoso,
fratello innocente che tanto ci amasti,
i tiepidi cuori avvampa
del tuo bruciante amore.

Gloria al Dio giusto e buono,
gloria a te, Cristo, che dalla croce
regni per sempre glorioso,
gloria allo Spirito santo. Amen.

ACCLAMAZIONI A CRISTO SIGNORE
A Cristo, re e centro dei cuori, gioiosamente diciamo:

Signore Gesù, in cui abita tutta la pienezza della divinità, Kyrie eleison.

 Kyrie eleison.

Signore Gesù, nel quale sono nascosti tutti i tesori della sapienza e della scienza, Kyrie eleison.
 Kyrie eleison.

Signore Gesù, nel quale il Padre ha riposto tutte le sue compiacenze, Kyrie eleison.
 Kyrie eleison.

Signore Gesù, della cui pienezza noi tutti abbiamo ricevuto, Kyrie eleison.
 Kyrie eleison.

Signore Gesù, fonte di vita e di santità, Kyrie eleison.
 Kyrie eleison.

Signore Gesù, che sei mite e umile di cuore, Kyrie eleison.
 Kyrie eleison.

Padre nostro.

CONCLUSIONE
Il Signore ci benedica e ci esaudisca.

Amen.

oppure

La santa Trinità ci salvi e ci benedica
Amen.

Nella celebrazione pubblica presieduta dal sacerdote o dal diacono si può concludere con la benedizione, nella forma classica o nelle forme solenni previste dal Messale


ORA MEDIA

O Dio, vieni a salvarmi.
Signore vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo,
come era nel principio e ora e sempre
 nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.

INNO

Terza

E’ l’ora terza. Gesù Signore
sale ingiuriato la croce,
ma noi pensosi gli offriamo
l’affetto di un animo orante.

Se in te nasce il Figlio di Dio,
la vita conservi incolpevole
e, con voce assidua implorando,
dischiudi il tuo cuore allo Spirito.

Quest’ora ha segnato la fine
al lungo torpore del male,
ha debellato la morte,
ha cancellato la colpa.

Di qui l’epoca inizia
della salvezza di Cristo,
nelle Chiese dell’universo
la verità s’irradia della fede.

Dalla gloria del suo patibolo
Gesù parla alla Vergine:
Ecco tuo figlio, o donna;
Giovanni, ecco tua madre.

Al vincolo di giuste nozze,
avvolte in profondo mistero,
era solo affidato in custodia
l’onore della Madre.

Stupendi prodigi dal cielo
confermano l’alto disegno;
la turba malvagia non crede,
chi crede ritrova salvezza.

Credo in un Dio Unigenito,
nato tra noi dalla Vergine,
che ha tolto i peccati del mondo
e siede alla destra del Padre.

Gloria si canti all’unico Dio
e a Gesù Cristo Signore,
con lo Spirito santo
negli infiniti secoli. Amen.

Sesta

O Dio glorioso, altissimo sovrano,
che i tempi diversi alternando,
orni di dolce chiarità il mattino
e l’infocato meriggio avvampi,

placa la furia delle discordie,
spegni il funesto ardore dell’odio,
dona alle membra sanità e vigore,
agli animi dona la pace.

Ascoltaci, Padre pietoso,
per Gesù Cristo Signore,
che nello Spirito Santo
vive e governa nei secoli.

Amen.

Nona

Perpetuo vigore degli esseri,
che eterno e immutabile stai
e la vicenda regoli del giorno
nell’inesausto gioco della luce,

la nostra sera irradia
del tuo vitale splendore;
premia la morte dei giusti
col giorno che non tramonta.

Ascoltaci, Padre pietoso,
per Gesù Cristo Signore,
che nello Spirito santo
vive e governa nei secoli.

Amen.

SALMODIA
Salmo 124

Ant. 1 «Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; * e come vorrei che fosse già acceso!».

Chi confida nel Signore è come il monte Sion: *
non vacilla, è stabile per sempre.

I monti cingono Gerusalemme: †
il Signore è intorno al suo popolo *
ora e sempre.

Egli non lascerà pesare lo scettro degli empi *
sul possesso dei giusti,
perché i giusti non stendano le mani *
a compiere il male.

La tua bontà, Signore, sia con i buoni *
e con i retti di cuore.

Quelli che vanno per sentieri tortuosi †
il Signore li accomuni alla sorte dei malvagi. *
Pace su Israele!

Gloria.

Ant. 1 «Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; * e come vorrei che fosse già acceso!».

Salmo 125

Ant. 2 Amiamo Dio, * perché egli ci ha amati per primo.

Quando il Signore ricondusse i prigionieri di Sion, *
ci sembrava di sognare.
Allora la nostra bocca si aprì al sorriso, *
la nostra lingua si sciolse in canti di gioia.

Allora si diceva tra i popoli: *
«Il Signore ha fatto grandi cose per loro».
Grandi cose ha fatto il Signore per noi, *
ci ha colmati di gioia.

Riconduci, Signore, i nostri prigionieri, *
come i torrenti del Negheb.
Chi semina nelle lacrime *
mieterà con giubilo.

Nell’andare, se ne va e piange, *
portando la semente da gettare,
ma nel tornare, viene con giubilo, *
portando i suoi covoni.

Gloria.

Ant. 2 Amiamo Dio, * perché egli ci ha amati per primo.

Salmo 126

Ant. 3 Uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia, * perché si adempisse la Scrittura, che dice: «Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto».

Se il Signore non costruisce la casa, *
invano vi faticano i costruttori.
Se la città non è custodita dal Signore, *
invano veglia il custode.

Invano vi alzate di buon mattino, †
tardi andate a riposare
e mangiate pane di sudore: *
il Signore ne darà ai suoi amici nel sonno.

Ecco, dono del Signore sono i figli, *
è sua grazia il frutto del grembo.
Come frecce in mano a un eroe *
sono i figli della giovinezza.

Beato l’uomo *
che piena ne ha la faretra:
non resterà confuso quando verrà alla porta *
a trattare con i propri nemici.

Gloria.

Ant. 3 Uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia, * perché si adempisse la Scrittura, che dice: «Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto».

Alle altre Ore salmodia complementare

Terza

LETTURA BREVE    Rm 5,8-9
Fratelli, Dio dimostra il suo amore verso di noi perché, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi. A maggior ragione ora, giustificati per il suo sangue, saremo salvati dall'ira per mezzo di lui.

Dio ci ha liberati dal potere delle tenebre.
 Dio ci ha liberati dal potere delle tenebre. * Alleluia, alleluia.

E ci ha trasferiti nel regno del suo Figlio diletto.
 Alleluia. Alleluia.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
 Dio ci ha liberati dal potere delle tenebre. * Alleluia, alleluia.

ORAZIONE
O Padre di misericordia, concedi che i tuoi fedeli si rivestano delle virtù e dei sentimenti del cuore di Cristo perché, trasformati a sua immagine, diventino partecipi della redenzione eterna. Per lui, nostro Signore e nostro Dio, che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo, per tutti i secoli dei secoli

CONCLUSIONE
Benediciamo il Signore.
Rendiamo grazie a Dio.

Sesta

LETTURA BREVE    Ef 2,4-7
Fratelli, Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amati, da morti che eravamo per i peccati, ci ha fatti rivivere con Cristo: per grazia infatti siete stati salvati. Con lui ci ha anche risuscitati e ci ha fatti sedere nei cieli, in Cristo Gesù, per mostrare nei secoli futuri la straordinaria ricchezza della sua grazia mediante la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù.

Dio ci ha dato un trono nei cieli.
Dio ci ha dato un trono nei cieli. * Alleluia, alleluia.

In Cristo Gesù
Alleluia. Alleluia.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Dio ci ha dato un trono nei cieli. * Alleluia, alleluia.

ORAZIONE
O Dio, fonte di ogni bene, che nel cuore del tuo Figlio ferito a causa delle nostre colpe, ci hai aperto i tesori del tuo amore infinito, donaci di contemplare questo mistero con pietà sincera e profonda e di partecipare generosamente all’opera della redenzione del mondo. Per Cristo nostro Signore.

CONCLUSIONE
Benediciamo il Signore.
Rendiamo grazie a Dio.

Nona

LETTURA BREVE    Ef 5,25b-227
Fratelli, Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei, per renderla santa, purificandola per mezzo del lavacro dell'acqua accompagnato dalla parola, al fine di farsi comparire davanti la sua Chiesa tutta gloriosa, senza macchia né ruga o alcunché di simile, ma santa e immacolata.

Cristo è la nostra pace.
 Cristo è la nostra pace. * Alleluia, alleluia.

Ha fatto di due popoli un popolo solo.
Alleluia. Alleluia.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
 Cristo è la nostra pace. * Alleluia, alleluia.

ORAZIONE
O Padre di misericordia, concedi che i tuoi fedeli si rivestano delle virtù e dei sentimenti del cuore di Cristo perché, trasformati a sua immagine, diventino partecipi della redenzione eterna. Per lui, nostro Signore e nostro Dio, che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo, per tutti i secoli dei secoli

oppure:

O Dio, fonte di ogni bene, che nel cuore del tuo Figlio ferito a causa delle nostre colpe, ci hai aperto i tesori del tuo amore infinito, donaci di contemplare questo mistero con pietà sincera e profonda e di partecipare generosamente all’opera della redenzione del mondo. Per Cristo nostro Signore.

CONCLUSIONE
Benediciamo il Signore.
Rendiamo grazie a Dio.


SECONDI VESPRI

Il Signore sia con voi.
E con il tuo spirito.

oppure

Signore ascolta la nostra preghiera
E il nostro grido giunga fino a te

RITO DELLA LUCE
O viva fiamma della mia lucerna,

o Dio, mia luce!
 Illumina, Signore, il mio cammino,
 sola speranza nella lunga notte.

Se l’animo vacilla o s’impaura,
rinvigorisci e salva.
 Illumina, Signore, il mio cammino,
 sola speranza nella lunga notte.

O viva fiamma della mia lucerna,
o Dio, mia luce!
 Illumina, Signore, il mio cammino,
 sola speranza nella lunga notte.

INNO
O Figlio eterno dell’unico Dio,

Re della gloria, Principe
della beata pace,
a te si levi il canto.

Tenero Agnello che pendi dal legno,
come rosseggiano le tue ferite,
come è crudele l’odio
che ti strazia così!

Nelle tue carni laceri il decreto
dell’antica condanna,
le colpe umane espiando
e dischiudendo la porta del cielo.

Gesù, Signore pietoso,
fratello innocente che tanto ci amasti,
i tiepidi cuori avvampa
del tuo bruciante amore.

Gloria al Dio giusto e buono,
gloria a te, Cristo, che dalla croce
regni per sempre glorioso,
gloria allo Spirito santo. Amen.

RESPONSORIO
Come il Padre ha amato me,

così anch’io ho amato voi.
 Rimanete nel mio amore.

Se osserverete i miei comandamenti,
rimarrete nel mio amore,
come io ho osservato
i comandamenti del Padre mio
e rimango nel suo amore.
Rimanete nel mio amore.

SALMODIA

Ant.
«Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, * e io vi ristorerò» - dice il Signore -.


Salmo 35

Nel cuore dell’empio parla il peccato, *

davanti ai suoi occhi non c’è timor di Dio.
Poiché egli si illude con se stesso *
nel ricercare la sua colpa e detestarla.

Inique e fallaci sono le sue parole, *
rifiuta di capire, di compiere il bene.

Iniquità trama sul suo giaciglio, †
si ostina su vie non buone, *
via da sè non respinge il male.

Signore, la tua grazia è nel cielo, *
la tua fedeltà fino alle nubi;

la tua giustizia è come i monti più alti, †
il tuo giudizio come il grande abisso: *
uomini e bestie tu salvi, Signore.

Quanto è preziosa la tua grazia, o Dio! *
Si rifugiano gli uomini all’ombra delle tue ali,
si saziano dell’abbondanza della tua casa *
e li disseti al torrente delle tue delizie.

È in te la sorgente della vita, *
alla tua luce vediamo la luce.

Concedi la tua grazia a chi ti conosce, *
la tua giustizia ai retti di cuore.

Non mi raggiunga il piede dei superbi, *
non mi disperda la mano degli empi.
Ecco, sono caduti i malfattori, *
abbattuti, non possono rialzarsi.

Salmo 133

Ecco, benedite il Signore, *
 voi tutti, servi del Signore;

voi che state nella casa del Signore *
 durante le notti.

Alzate le mani verso il tempio *
 e benedite il Signore.

Da Sion ti benedica il Signore, *
 che ha fatto cielo e terra.

Salmo 116

Lodate il Signore, popoli tutti, *
 voi tutte, nazioni, dategli gloria;

perché forte è il suo amore per noi *
 e la fedeltà del Signore dura in eterno.

Gloria.

Ant. «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, * e io vi ristorerò» - dice il Signore -.

PRIMA ORAZIONE
Con animo pentito t’imploriamo, o Dio: per il cuore piagato del tuo Figlio, fa’ che otteniamo il perdono delle colpe e la grazia di un amore ardente per lui, nostro Signore e nostro Dio, che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo, per tutti i secoli dei secoli.


CANTICO DELLA BEATA VERGINE 
       Cantico Lc 1,46-55

Ant.
Cristo per noi offerse la vita * e ci liberò dai nostri peccati con il suo sangue.


L'anima mia magnifica il Signore *
 e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *
 D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
 e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *
 si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
 ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *
 ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *
 ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
 ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *
 ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria.

L’anima mia *
 magnifica il Signore.

Ant. Cristo per noi offerse la vita * e ci liberò dai nostri peccati con il suo sangue.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

SECONDA ORAZIONE
Dona, o Padre, a quanti ci raduniamo a onorare i grandi benefici dell’amore di Cristo di contemplare con gioia il loro compimento e di godere della loro efficacia. Per lui che vive e regna nei secoli dei secoli.


COMMEMORAZIONE DEL BATTESIMO
Ant.
«C’è un battesimo che devo ricevere; * e come sono angosciato, finché non sia compiuto!».


       Cantico Fil 2,6-11
Cristo Gesù, pur essendo di natura divina, *

non considerò un tesoro geloso
 la sua uguaglianza con Dio;

ma spogliò se stesso, †
assumendo la condizione di servo *
e divenendo simile agli uomini;

apparso in forma umana, umiliò se stesso †
facendosi obbediente fino alla morte *
e alla morte di croce.

Per questo Dio l'ha esaltato *
e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni altro nome;

perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi †
nei cieli, sulla terra *
e sotto terra;

e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, *
a gloria di Dio Padre.

Gloria.

Ant. «C’è un battesimo che devo ricevere; * e come sono angosciato, finché non sia compiuto!».

Orazione
Per il Figlio tuo venuto tra noi hai scelto, o Dio, un nome che chiaramente lo manifestasse come salvatore del genere umano; donaci in questa vita di avvalerci largamente di così grande misericordia e in cielo di contemplare con gioia il volto di Cristo, che vive e regna nei secoli dei secoli.


INTERCESSIONI
Invochiamo con fede Gesù redentore, perché dia pace e ristoro alle nostre anima:

Signore misericordioso, abbi pietà di noi.

Signore Gesù, che dal tuo petto squarciato hai fatto nascere la Chiesa tua sposa,
rendila sempre santa e immacolata.

Gesù, tempio santo di Dio, distrutto dagli uomini e riedificato dal Padre,
fa’ che la tua Chiesa sia il santuario vivente della tua gloria.

Gesù, re e centro di tutti i cuori, rivelaci la grandezza della tua misericordia,
rinnova con gli uomini del nostro tempo il tuo patto d’amore.

Gesù, nostra pace e riconciliazione, che distruggendo ogni inimicizia sulla croce, ci hai riuniti in un solo uomo nuovo,
donaci di venire a te uniti nel medesimo Spirito.

Gesù, che ti sei fatto obbediente fino alla morte,
rendi partecipi della tua gloria coloro che si sono addormentati nel tuo nome.

Illuminati dalle parole di Cristo Signore, preghiamo il Dio eterno:
Padre nostro.
Padre Nostro.

CONCLUSIONE
Il Signore ci benedica e ci custodisca

Amen.

oppure

La santa Trinità ci salvi e ci benedica
Amen.

Nella celebrazione pubblica presieduta dal sacerdote o dal diacono si può concludere con la benedizione, nella forma classica o nelle forme solenni previste dal Messale


COMPIETA (dopo i Secondi Vespri)

Convertici, Dio, nostra salvezza.
E placa il tuo sdegno verso di noi.
O Dio, vieni a salvarmi.
Signore vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo,
come era nel principio e ora e sempre
 nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.

INNO
Prima che il giorno si chiuda,

a te si leva un’ultima preghiera:
con amore di padre
vegliaci nel riposo.

Quieta trascorra ala notte
e senza torbidi sogni:
l’astuzia del Nemico
non arrivi a contaminarci.

A te si innalza, o Dio, la nostra supplica
per Gesù Cristo Signore,
che nello Spirito Santo
vive con te nei secoli. Amen.

SALMODIA
Salmo 90

Ant. Agli angeli il Signore ha ordinato di custodirti; * sulle loro mani ti porteranno perché non inciampi nella pietra il tuo piede.

Tu che abiti al riparo dell'Altissimo *
 e dimori all'ombra dell'Onnipotente,
di' al Signore: «Mio rifugio e mia fortezza, *
 mio Dio, in cui confido».

Egli ti libererà dal laccio del cacciatore, *
 dalla peste che distrugge.
Ti coprirà con le sue penne *
 sotto le sue ali troverai rifugio.

La sua fedeltà ti sarà scudo e corazza; *
 non temerai i terrori della notte

né la freccia che vola di giorno,
 la peste che vaga nelle tenebre, *
 lo sterminio che devasta a mezzogiorno.

Mille cadranno al tuo fianco e diecimila alla tua destra; *
 ma nulla ti potrà colpire.

Solo che tu guardi, con i tuoi occhi *
 vedrai il castigo degli empi.
Poiché tuo rifugio è il Signore *
 e hai fatto dell'Altissimo la tua dimora,

non ti potrà colpire la sventura, *
 nessun colpo cadrà sulla tua tenda.
Egli darà ordine ai suoi angeli *
 di custodirti in tutti i tuoi passi.

Sulle loro mani ti porteranno *
 perché non inciampi nella pietra il tuo piede.
Camminerai su aspidi e vipere, *
 schiaccerai leoni e draghi.

Lo salverò, perché a me si è affidato; *
 lo esalterò, perché ha conosciuto il mio nome.

Mi invocherà e gli darò risposta; presso di lui sarò nella sventura, *
 lo salverò e lo renderò glorioso.

Lo sazierò di lunghi giorni *
 e gli mostrerò la mia salvezza.

Gloria.

Ant. Agli angeli il Signore ha ordinato di custodirti; * sulle loro mani ti porteranno perché non inciampi nella pietra il tuo piede.

LETTURA BREVE    Ap 22,4-5
Gli eletti vedranno la faccia del Signore e porteranno il suo nome sulla fronte.

Non vi sarà più notte e non avranno più bisogno di luce di lampada, né di luce di sole, perché il Signore Dio li illuminerà e regneranno nei secoli dei secoli.

Custodiscimi, Signore.
 Custodiscimi, Signore, * come pupilla degli occhi.

Proteggimi all’ombra delle tua ali.
 Come pupilla degli occhi.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito santo.
 Custodiscimi, Signore, * come pupilla degli occhi.

CANTICO DI SIMEONE  
       Cantico Lc 2,19-32

Ant.
Salvaci, Signore nella veglia, difendici nel sonno; * il cuore vegli con Cristo, e il corpo riposi nella pace.


Ora lascia, o Signore, che il tuo servo *
 vada in pace secondo la tua parola;

perché i miei occhi han visto la tua salvezza, *
 preparata da te davanti a tutti i popoli,

luce per illuminare le genti *
 e gloria del tuo popolo Israele.

Gloria.

Ant. Salvaci, Signore nella veglia, difendici nel sonno; * il cuore vegli con Cristo, e il corpo riposi nella pace.

ORAZIONE
Nei nostri cuori risplenda, Padre, la luce della tua verità, e sia distrutta per sempre la falsità del Nemico. Per Cristo nostro Signore.

 
ANTIFONA ALLA B.V. MARIA
Inviolato fiore, purissima Vergine,

porta lucente del cielo,
Madre di Cristo amata, Signore piissima,
odi quest’inno di lode.
Casta la vita scorra, sia limpido l’animo:
così t’implorano i cuori.
Per la tua dolce supplica a noi colpevoli
scenda il perdono di Dio.
Vergine tutta santa, Regina bellissima,
inviolato fiore.

Prima della conclusione si può lodevolmente inserire un breve esame di coscienza.

CONCLUSIONE
Dormiamo in pace.

Vigiliamo in Cristo.