Letture del giorno - Rito Ambrosiano

8 FEBBRAIO - Mercoledì

S. Girolamo Emiliani - Memoria

ALL’INGRESSO

«Lasciate che i piccoli vengano a me

e non glielo impedite:

a chi e simile a loro

appartiene il regno di Dio» – dice il Signore –.

 

LETTURA Sir 37, 7-15

Lettura del libro del Siracide

 

Ogni consigliere esalta il consiglio che dà, ma c’è chi consiglia a proprio vantaggio. Guàrdati da chi vuole darti consiglio e prima infórmati quali siano le sue necessità: egli infatti darà consigli a suo vantaggio; perché non abbia a gettare un laccio su di te e ti dica: «La tua via è buona», ma poi si tenga in disparte per vedere quel che ti succede. Non consigliarti con chi ti guarda di sbieco e nascondi le tue intenzioni a quanti ti invidiano. Non consigliarti con una donna sulla sua rivale e con un pauroso sulla guerra, con un mercante sul commercio e con un compratore sulla vendita, con un invidioso sulla riconoscenza e con uno spietàto sulla bontà di cuore, con un pigro su una iniziativa qualsiasi e con un salariato sul raccolto, con uno schiavo pigro su un lavoro importante. Non dipendere da costoro per nessun consiglio. Frequenta invece un uomo giusto, di cui sai che osserva i comandamenti e ha un animo simile al tuo, perché se tu cadi, egli saprà compatirti. Attieniti al consiglio del tuo cuore, perché nessuno ti è più fedele. Infatti la coscienza di un uomo talvolta suole avvertire meglio di sette sentinelle collocate in alto per spiare. Per tutte queste cose invoca l’Altissimo, perché guidi la tua via secondo verità.

 

SALMO Sal 72 (73)

Dio è la roccia del mio cuore.

 

Quando era amareggiato il mio cuore

e i miei reni trafitti dal dolore,

io ero insensato e non capivo,

stavo davanti a te come una bestia. R

 

Ma io sono sempre con te:

tu mi hai preso per la mano destra.

Mi guiderai secondo i tuoi disegni

e poi mi accoglierai nella gloria. R

 

Chi avrò per me nel cielo?

Con te non desidero nulla sulla terra.

Vengono meno la mia carne e il mio cuore;

ma Dio è roccia del mio cuore,

mia parte per sempre. R

 

VANGELO Mc 8, 1-9

✠ Lettura del Vangelo secondo Marco

 

In quei giorni, poiché vi era di nuovo molta folla e non avevano da mangiare, il Signore Gesù chiamò a sé i discepoli e disse loro: «Sento compassione per la folla; ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Se li rimando digiuni alle loro case, verranno meno lungo il cammino; e alcuni di loro sono venuti da lontano». Gli risposero i suoi discepoli: «Come riuscire a sfamarli di pane qui, in un deserto?». Domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette». Ordinò alla folla di sedersi per terra. Prese i sette pani, rese grazie, li spezzò e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero; ed essi li distribuirono alla folla. Avevano anche pochi pesciolini; recitò la benedizione su di essi e fece distribuire anche quelli. Mangiarono a sazietà e portarono via i pezzi avanzati: sette sporte. Erano circa quattromila. E li congedò.

 

DOPO IL VANGELO

I saggi rifulgeranno come lo splendore del firmamento;

coloro che insegneranno a molti la giustizia

brilleranno come stelle per sempre.

 

ALLO SPEZZARE DEL PANE

«Se non vi convertirete e non diventerete come i bambini,

non entrerete nel regno dei cieli» – dice il Signore –.

 

ALLA COMUNIONE

«Chi segue me non cammina nelle tenebre, – dice il Signore –

ma avrà la luce della vita».