Letture del giorno - Rito Ambrosiano

24 maggio - Venerdì

Venerdì della settimana dopo Pentecoste

ALL’INGRESSO

Sperate in Dio, popoli di ogni luogo,

aprite al suo cospetto il vostro cuore;

egli è il nostro rifugio.

 

LETTURA Es 19, 20-25

Lettura del libro dell’Esodo

 

In quei giorni. Il Signore scese sul monte Sinai, sulla vetta del monte, e il Signore chiamò Mosè sulla vetta del monte. Mosè salì. Il Signore disse a Mosè: «Scendi, scongiura il popolo di non irrompere verso il Signore per vedere, altrimenti ne cadrà una moltitudine! Anche i sacerdoti, che si avvicinano al Signore, si santifichino, altrimenti il Signore si avventerà contro di loro!». Mosè disse al Signore: «Il popolo non può salire al monte Sinai, perché tu stesso ci hai avvertito dicendo: “Delimita il monte e dichiaralo sacro”». Il Signore gli disse: «Va’, scendi, poi salirai tu e Aronne con te. Ma i sacerdoti e il popolo non si precipitino per salire verso il Signore, altrimenti egli si avventerà contro di loro!». Mosè scese verso il popolo e parlò loro.

 

SALMO Sal 14 (15)

Beato chi teme il Signore e cammina nelle sue vie.

 

Signore, chi abiterà nella tua tenda?

Chi dimorerà sulla tua santa montagna?

Colui che cammina senza colpa,

pratica la giustizia

e dice la verità che ha nel cuore. R

 

Non sparge calunnie con la sua lingua,

non fa danno al suo prossimo

e non lancia insulti al suo vicino.

Ai suoi occhi è spregevole il malvagio,

ma onora chi teme il Signore. R

 

Non presta il suo denaro a usura

e non accetta doni contro l’innocente.

Colui che agisce in questo modo

resterà saldo per sempre. R

 

VANGELO Lc 6, 12-16

✠ Lettura del Vangelo secondo Luca

 

In quel tempo. Il Signore Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.

 

DOPO IL VANGELO

Porgimi orecchio, Signore, e ascoltami.

Salva il tuo servo, o Dio, che spera in te.

Abbi pietà di me perché sempre ti invoco.

 

ALLO SPEZZARE DEL PANE

Canterò senza fine la pietà del Signore.

Con la mia bocca annunzierò a tutte le genti la tua verità.

O Signore, ricordati di me.

 

ALLA COMUNIONE

Chi degnamente si ciba dei doni di Cristo

non sarà condannato, ma salvato per grazia di Dio.